Cassazione civile Sez. III sentenza n. 191 del 12 gennaio 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

Costituisce insidia stradale ogni situazione di pericolo che l'utente medio, usando la normale diligenza richiesta dalla particolare situazione in cui si trova, non pu˛ obiettivamente prevedere; onde, al fine di escludere la responsabilitÓ risarcitoria dell'ente che abbia di fatto la gestione della strada Ŕ necessaria la dimostrazione da parte dell'ente stesso che nonostante l'obiettiva esistenza dell'insidia l'utente fosse soggettivamente in grado di prevederla o di evitarla. Il relativo apprezzamento da parte del giudice Ŕ incensurabile in sede di legittimitÓ ove correttamente ed adeguatamente motivato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.