Cassazione civile Sez. II sentenza n. 5485 del 14 maggio 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

Anche colui che per circostanze contingenti si trovi ad esercitare un potere soltanto materiale sulla cosa pu˛ dal danneggiamento di questa risentire un danno al suo patrimonio, indipendentemente dal diritto che egli abbia all'esercizio di quel potere e cioŔ senza che sia necessaria identitÓ fra il titolo al risarcimento ed il titolo giuridico di proprietÓ. Pertanto, nel giudizio risarcitorio promosso dal danneggiato non Ŕ necessario, ai fini della legittimazione attiva, provare l'esistenza di quest'ultimo titolo bastando la prova del danno, in quanto l'ingiustizia del danno non Ŕ necessariamente connessa alla proprietÓ del bene danneggiato, nÚ alla esistenza di un diritto comunque tutelato erga omnes, potendo i diritti sul medesimo ben derivare da un'ampia serie di rapporti con altri soggetti, salvi i concorrenti o contrapposti diritti di costoro.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.