Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 32 del 8 gennaio 1987

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della validitÓ della notifica sono essenziali la veridicitÓ di quanto l'ufficiale giudiziario attesta di aver fatto personalmente o di quanto Ŕ accaduto in sua presenza (attestazione che fa fede sino a querela di falso) e l'idoneitÓ dei fatti attestati a far ritenere o a far presumere, secondo i criteri stabiliti dalla legge, che il destinatario della notifica abbia ricevuto l'atto. Pertanto, con riguardo alla notificazione con consegna dell'atto a persona diversa dal destinatario, non sono necessari nÚ l'indicazione della qualifica di chi riceve in consegna l'atto, se Ŕ possibile accertare ex post, anche per presunzioni, la natura del rapporto con il notificando, nÚ la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato tra la persona addetta all'ufficio del destinatario e questo stesso, essendo invece sufficiente una situazione di comunanza di rapporti tali da far presumere che la prima porterÓ a conoscenza del secondo l'atto ricevuto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.