Cassazione civile Sez. II sentenza n. 142 del 9 gennaio 1984

(1 massima)

(massima n. 1)

Un istituto di vigilanza notturna, che abbia assunto con il cliente l'impegno di controllare un determinato locale, mediante sopralluoghi scaglionati nel tempo secondo prefissati orari, non pu˛ essere ritenuto responsabile dei danni derivanti dal furto verificatosi in detto locale, per il solo fatto che non risulti provata l'effettuazione di uno di quei sopralluoghi, atteso che, in base ai principi generali che regolano la responsabilitÓ contrattuale, occorre l'ulteriore requisito del nesso causale fra inadempimento e danno, il quale postula il riscontro dell'idoneitÓ del suddetto controllo, ove non omesso, a sventare l'azione delittuosa, in relazione ai tempi in cui essa Ŕ stata commessa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.