Cassazione civile Sez. II sentenza n. 5113 del 3 maggio 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

Il patto con il quale si conviene che uno dei contraenti acquisti un fondo in proprietÓ comune e trasferisca agli altri contraenti la quota ad essi rispettivamente spettante non pu˛ essere qualificato come negozio fiduciario di tipo traslativo, che Ŕ stipulato tra l'alienante e l'acquirente in vista di uno scopo pratico ulteriore rispetto a quello proprio dell'alienazione, nÚ come una situazione di cosiddetta fiducia di tipo statico, che si innesta in una situazione giuridica preesistente in testa alla persona che, con il pactum fiduciae, accetta di dirottarla dal suo naturale esito, ma deve essere ricondotto alla figura giuridica del mandato senza rappresentanza ed, avendo per oggetto un bene immobile, deve essere stipulato per iscritto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.