Cassazione civile sentenza n. 772 del 18 marzo 1966

(1 massima)

(massima n. 1)

A norma dell'art. 235 del codice di procedura civile, il giuramento decisorio non pu˛ essere revocato soltanto quando l'altra parte ha dichiarato di essere pronta a prestarlo nella formula originaria o in quella modificata dal giudice; ma se la modifica sia sostanziale, cioŔ il contenuto della formula sia alterato con la sostituzione del giudice alla parte nell'esercizio di un potere a questa spettante, allora, a norma dell'art. 236, in via di eccezione al principio della irrevocabilitÓ sancito dall'articolo precedente, nonostante che il delato si sia dichiarato pronto a giurare il potere di revoca pu˛ essere ancora utilmente fatto valere.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.