Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 28825 del 21 giugno 2018

(1 massima)

(massima n. 1)

L'atto di appello del pubblico ministero (nella specie, in materia di misure di prevenzione), giÓ sottoscritto da un magistrato della procura, pu˛ essere presentato, a norma dell'art. 582, comma 1, cod. proc. pen., anche da personale interno alla stessa procura, incaricato della consegna, senza necessitÓ di un atto formale di delega, purchŔ vi sia la garanzia dell'autenticitÓ della sottoscrizione. (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto corretta la valutazione della tempestivitÓ dell'atto di appello in calce al quale risultavano apposti il timbro e la firma del magistrato della procura, il timbro e la firma del cancelliere che aveva proceduto al deposito nonchÚ altro timbro recante l'incarico ad un addetto della segreteria per il deposito dell'atto di appello presso la cancelleria del giudice di primo grado che risultava documentato dai registri di passaggio).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.