Cassazione civile Sez. III sentenza n. 2522 del 25 settembre 1974

(1 massima)

(massima n. 1)

L'obbligazione solidale determina la costituzione, non giÓ di un unico rapporto obbligatorio con pluralitÓ di soggetti dal lato attivo o dal lato passivo, bensý di tanti rapporti obbligatori, tra loro distinti, quanti sono i condebitori o i concreditori in solido. Ne deriva che, qualora il creditore convenga in giudizio tutti i condebitori in solido, esistono, nell'unico processo, pi¨ cause tra loro distinte, ciascuna avente quali parti il creditore ed un condebitore in solido, cioŔ esistono pi¨ cause scindibili. In quest'ipotesi, stante la scindibilitÓ delle cause, proposto appello da tutti i condebitori in solido, deducendo ciascuno di costoro motivi specifici diversi da quelli dedotti dagli altri, i motivi dedotti da un condebitore non si comunicano agli altri. Pertanto, rigettato l'appello di uno dei condebitori, questi non pu˛ avvalersi, opponendola al creditore, della riforma della sentenza di primo grado pronunciata in accoglimento di uno o pi¨ motivi di gravame dedotti da altro condebitore; e qualora siano rigettati gli appelli di tutti i condebitori, ciascuno di questi non pu˛ dedurre quali motivi di ricorso per cassazione questioni che abbiano formato oggetto di motivi specifici di appello proposti dagli altri condebitori, poichÚ, in sede di legittimitÓ, tali questioni sarebbero nuove rispetto a lui e, quindi, inammissibili.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.