Cassazione civile Sez. III sentenza n. 19180 del 19 luglio 2018

(2 massime)

(massima n. 1)

Si ha interruzione del rapporto di causalitÓ tra fatto del danneggiante ed evento dannoso per effetto del comportamento sopravvenuto di altro soggetto (che pu˛ identificarsi anche con lo stesso danneggiato), quando il fatto di costui si ponga, ai sensi dell'art. 41, comma 2, c.p., come unica ed esclusiva causa dell'evento di danno, sý da privare dell'efficienza causale e rendere giuridicamente irrilevante il precedente comportamento dell'autore dell'illecito, ma non quando, essendo ancora in atto ed in fase di sviluppo il processo produttivo del danno avviato dal fatto illecito dell'agente, nella situazione di potenzialitÓ dannosa da questi determinata si inserisca una condotta di altro soggetto (ed eventualmente dello stesso danneggiato) che sia preordinata proprio al fine di fronteggiare e, se possibile, di neutralizzare le conseguenze di quell'illecito. In tal caso lo stesso illecito resta unico fatto generatore sia della situazione di pericolo sia del danno derivante dall'adozione di misure difensive o reattive a quella situazione, sempre che rispetto ad essa coerenti ed adeguate.

(massima n. 2)

La nozione di attivitÓ pericolosa, ai sensi e per gli effetti dell'art. 2050 c.c., non deve essere limitata alle attivitÓ tipiche, giÓ qualificate come tali da una norma di legge, ma deve essere estesa a tutte quelle attivitÓ che, per la loro stessa natura o per le caratteristiche dei mezzi adoperati, comportino una rilevante possibilitÓ del verificarsi di un danno, dovendosi, di conseguenza accertare in concreto il requisito della pericolositÓ con valutazione svolta caso per caso, tenendo presente che anche un'attivitÓ per natura non pericolosa pu˛ diventarlo in ragione delle modalitÓ con cui viene esercitata o dei mezzi impiegati per espletarla. L'indagine fattuale deve essere svolta seguendo il criterio della prognosi postuma, in base alle circostanze esistenti al momento dell'esercizio dell'attivitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.