Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 17510 del 18 aprile 2018

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ nulla, ma non inesistente, la sentenza d'appello che, pur riportando correttamente il nome dell'imputato, la sentenza di primo grado e il dispositivo letto in udienza, reca una motivazione relativa ad altra decisione impugnata da un altro imputato; ne consegue che, mancando nella sostanza la motivazione, l'errore non Ŕ emendabile con la procedura di cui all'art. 130 cod. proc. pen., ma dovrÓ procedersi, nel caso di impugnazione tempestiva, alla rinnovazione dell'intero giudizio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.