Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3524 del 21 maggio 1983

(1 massima)

(massima n. 1)

Il principio, in forza del quale la solidarietą attiva nell'obbligazione, a differenza di quella passiva, non si presume, nemmeno in caso di identitą della «res debita» e della «causa obbligandi», ma deve risultare espressamente dalla legge o dal titolo, comporta, con riguardo al contratto costitutivo di rapporti obbligatori fra una pluralitą di parti, che il vincolo di solidarietą fra i creditori richiede uno specifico patto e, quindi, non puņ essere evinto né dalla previsione della solidarietą fra i debitori, con funzione meramente confermativa della presunzione di legge, né dalla clausola che si limiti a conferire ad uno dei creditori il potere di rappresentanza degli altri, senza alcuna interferenza sui diritti scaturenti dal contratto stesso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.