Cassazione penale Sez. III sentenza n. 29586 del 14 giugno 2017

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di misure cautelari reali, quando uno dei reati in relazione ai quali la misura č stata disposta č assorbito in altro reato di uguale gravitā che lascia intatti i presupposti applicativi della cautela, non sussiste l'interesse dell'indagato, in sede di riesame, ad ottenere una pronuncia che ne dichiari la insussistenza. (Fattispecie in tema di sequestro di immobile in ordine ai reati di tolleranza abituale della prostituzione e favoreggiamento della stessa, in cui quest'ultimo reato č stato ritenuto assorbito nel primo).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.