Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 26867 del 29 maggio 2017

(1 massima)

(massima n. 1)

La nozione di comportamento abituale - che ricorre quando l'autore ha commesso almeno altri due illeciti oltre quello preso in esame - non pu˛ essere assimilata a quella della recidiva, che opera in un ambito diverso ed Ŕ fondata su un distinto apprezzamento, con la conseguenza che assumono rilievo anche reati commessi successivamente a quello per cui si procede. (Nella fattispecie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che ha ravvisato la causa di non punibilitÓ della particolare tenuitÓ del fatto di evasione commesso dall'imputato, nonostante che allo stesso fosse stata contestata la recidiva).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.