Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 4 del 23 aprile 1993

(2 massime)

(massima n. 1)

Il controllo del giudice del riesame non pu˛ investire, in relazione alle misure cautelari reali, la concreta fondatezza di un'accusa, ma deve limitarsi all'astratta possibilitÓ di sussumere il fatto attribuito ad un soggetto in una determinata ipotesi di reato.

(massima n. 2)

Le condizioni generali per l'applicabilitÓ delle misure cautelari personali, indicate nell'art. 273 c.p.p., non sono estensibili, per le loro peculiaritÓ, alle misure cautelari reali; ne consegue che ai fini della doverosa verifica della legittimitÓ del provvedimento con il quale sia stato ordinato il sequestro preventivo di un bene pertinente ad uno o pi¨ reati, Ŕ preclusa ogni valutazione sulla sussistenza degli indizi di colpevolezza e sulla gravitÓ degli stessi.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.