Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 9202 del 5 marzo 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

In ipotesi di reato commesso da un seminfermo di mente va comunque accertata la sussistenza dell'elemento psicologico, atteso che quest'ultimo non Ŕ incompatibile con il vizio parziale di mente, residuando pur sempre, anche nello status di imputabilitÓ diminuita, la capacitÓ di intendere e di volere, la cui diminuzione pu˛ avere rilevanza nei reati a dolo specifico, ma non in quelli caratterizzati dal dolo generico.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.