Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1630 del 24 maggio 1972

(1 massima)

(massima n. 1)

L'appellante che, nel giudizio di primo grado, sia stato condannato all'adempimento di un debito assunto verso la controparte, pu˛ proporre l'eccezione di compensazione nel giudizio di gravame soltanto con l'atto di appello che delimita il dibattito nel giudizio di secondo grado.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.