Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 5599 del 5 maggio 1999

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai fini della configurabilitÓ del reato di falso giuramento della parte (art. 371 c.p.), non spetta al giudice penale alcun sindacato in ordine all'ammissibilitÓ della formula adottata in sede civile, le cui eventuali lacune, o improprietÓ non possono essere quindi addotte dall'imputato a propria giustificazione avendo egli in ogni caso l'obbligo, assoluto Ś la cui osservanza o mezzo deve formare oggetto esclusivo dell'accertamento in sede penale Ś di dire il vero.

(massima n. 2)

L'art. 143 c.p.p., interpretato alla luce tanto dell'art. 6 della Convenzione internazionale per la salvaguardia dei diritti dell'uomo resa esecutiva in Italia con legge 4 agosto 1955 n. 848 quanto delle pronunce della Corte costituzionale n. 10/1993 e n. 64/1994, non impone affatto che il decreto di citazione a giudizio dell'imputato straniero ignaro della lingua italiana debba essere redatto, in via esclusiva o con testo italiano a fronte, della lingua nota al destinatario, avendo quest'ultimo soltanto il diritto all'assistenza gratuita di un interprete - da nominarsi immediatamente - che provveda alla traduzione dell'atto, come previsto dal citato art. 6 della Convenzione, źnel pi¨ breve tempo╗.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.