Cassazione penale Sez. I sentenza n. 3046 del 17 maggio 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini del rinvio facoltativo dell'esecuzione della pena, nel caso previsto dall'art. 147, comma primo, n. 2, c.p. deve farsi riferimento soltanto alla oggettiva «gravitą» dell'infermitą fisica, la quale sia tale da dar luogo, cumulata alla ordinaria afflittivitą della restrizione della libertą, ad un «trattamento contrario al senso di umanitą» e ad una sostanziale elusione del diritto individuale, costituzionalmente garantito, alla tutela della salute da parte dell'ordinamento, nulla rilevando, per converso, l'eventuale compatibilitą dello stato patologico con la permanenza in carcere, sotto il profilo della possibilitą di apprestamento, anche in costanza dello stato di detenzione, delle opportune terapie.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.