Cassazione penale Sez. II sentenza n. 3652 del 12 maggio 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

Per la configurabilitā del reato di favoreggiamento reale č necessario che l'aiuto da parte dell'agente all'autore venga prestato nell'interesse esclusivo di quest'ultimo. Se esso venga, invece, prestato o anche soltanto offerto per una finalitā di profitto, propri dell'agente medesimo, pur se comune a quella dell'autore o di terzi, e prima o durante la commissione del reato principale, ricorre una ipotesi di concorso in tale reato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.