Cassazione penale Sez. III sentenza n. 13095 del 17 marzo 2017

(1 massima)

(massima n. 1)

Il potere giudiziale di revoca, per superfluitÓ, delle prove giÓ ammesse Ŕ, nel corso del dibattimento, pi¨ ampio di quello esercitabile all'inizio del dibattimento stesso, momento in cui il giudice pu˛ non ammettere soltanto le prove vietate dalla legge o quelle manifestamente superflue o irrilevanti; con la conseguenza che la censura di mancata ammissione di una prova decisiva si risolve, una volta che il giudice abbia indicato in sentenza le ragioni della revoca della prova giÓ ammessa, in una verifica della logicitÓ e congruenza della relativa motivazione, raffrontata al materiale probatorio raccolto e valutato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.