Cassazione penale Sez. V sentenza n. 11905 del 21 marzo 2016

(2 massime)

(massima n. 1)

In caso di contestazioni suppletive in dibattimento, la richiesta di giudizio abbreviato non pu˛ essere proposta solo per taluna ma, a pena di inammissibilitÓ, deve avere riguardo a tutte le nuove, ulteriori imputazioni, poichŔ la funzione riparatoria dell'accesso in tale fase al rito speciale va comunque coniugata, senza poterla sostituire, con quella deflattiva propria del rito, in difetto della quale non si giustificherebbe l'effetto premiale.

(massima n. 2)

L'estrazione di dati archiviati in un supposto informatico (nella specie: floppy disk) non costituisce accertamento tecnico irripetibile anche dopo l'entrata in vigore della legge 18 marzo 2008, n. 48, che ha introdotto unicamente l'obbligo per la polizia giudiziaria di rispettare determinati protocolli di comportamento, senza prevedere alcuna sanzione processuale in caso di mancata loro adozione, potendone derivare, invece, eventualmente, effetti sull'attendibilitÓ della prova rappresentata dall'accertamento eseguito. (In motivazione, la S.C. ha precisato che Ŕ fatta salva la necessitÓ di verificare in concreto la sussistenza di eventuali alterazioni dei dati originali e la corrispondenza ad essi di quelli estratti).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.