Cassazione civile Sez. II sentenza n. 1993 del 2 febbraio 2016

(1 massima)

(massima n. 1)

L'atto contenente disposizioni di carattere esclusivamente non patrimoniale pu˛ essere qualificato alla stregua di un testamento purchÚ di questo abbia contenuto, forma e funzione, la quale ultima, in particolare, consiste nell'esercizio, da parte dell'autore, del proprio generale potere di disporre "mortis causa". (Nella specie, la S.C. ha escluso la ricorrenza di un testamento olografo in una scrittura privata contenente il riconoscimento di figlio naturale, non evincendosi univocamente da essa la volontÓ del "de cuius" di determinare l'effetto accertativo della filiazione dopo la propria morte).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.