Cassazione civile Sez. I sentenza n. 5294 del 5 marzo 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

Qualora il fallimento sia stato dichiarato successivamente al 16 luglio 2006 (data di entrata in vigore del D.L.vo n. 5 del 2006), ancorché in accoglimento di un ricorso depositato anteriormente, la procedura č regolata dalla nuova normativa, ai sensi degli artt. 150 e 153 del D.L.vo citato, essendo la pendenza del fallimento ricollegabile non giā al ricorso per la dichiarazione di fallimento, che dā luogo ad un autonomo procedimento, ma alla sentenza dichiarativa, la quale costituisce, da un lato, l'epilogo del procedimento avviato con l'iniziativa del creditore o del debitore o del P.M. e, dall'altro, l'inizio della procedura liquidatoria; ne consegue che l'opposizione allo stato passivo č disciplinata, anche quanto ai termini per la sua proposizione, dall' art. 99 legge fall., nel testo modificato dal D.L.vo n. 5 cit., senza che possa prospettarsi alcun dubbio di illegittimitā costituzionale, in relazione all'art. 24 Cost., in quanto, pur avendo la novella abbandonato il principio inquisitorio nel procedimento di formazione dello stato passivo, il regime probatorio del giudizio, permette, salvo il contemperamento con le esigenze di speditezza, di dedurre eccezioni processuali e di merito non rilevabili d'ufficio, nonché indicare e proporre mezzi di prova.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.