Cassazione civile Sez. I sentenza n. 7667 del 31 marzo 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

Non è affetta da nullità per indeterminatezza dell'oggetto o della causa petendi, ai sensi del combinato disposto degli artt. 163, comma terzo, nn. 3 e 4, e 164, comma quarto, c.p.c. (nel testo novellato dalla legge n. 353 del 1990), la domanda di revocatoria fallimentare di pagamenti eseguiti in un periodo determinato, costituiti da rimesse di conto corrente bancario risultanti da estratto conto, del quale sia richiesta contestualmente al giudice di ordinare all'istituto di credito convenuto l'esibizione, ai sensi dell'art. 210 c.p.c., essendo in tal caso — considerato anche l'implicito richiamo, da parte dell'attore, dei principi che regolano la revocatoria delle rimesse di conto corrente di natura solutoria — sufficientemente specificati gli elementi di cui al citato art. 163, comma terzo, nn. 3 e 4.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.