Cassazione penale Sez. V sentenza n. 19313 del 6 maggio 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

La ritenuta oggettiva falsitā della testimonianza da parte del giudice del dibattimento non esclude di per sč l'applicabilitā della disposizione contenuta nell'art. 500, comma quarto c.p.p., dovendosi comunque valutare la sussistenza in concreto di un inquinamento probatorio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.