Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 42979 del 14 ottobre 2014

(2 massime)

(massima n. 1)

L'inosservanza dei termini di novanta e centottanta giorni, assegnati al pubblico ministero per la richiesta, rispettivamente, di giudizio immediato ordinario e cautelare, Ŕ rilevabile dal giudice per le indagini preliminari. (In motivazione, le Sezioni Unite hanno specificato che il rispetto dei termini per la formulazione della richiesta costituisce un presupposto di ammissibilitÓ del rito, in virt¨ del nesso che lega, in tale tipo di giudizio, la non particolare complessitÓ delle indagini, l'evidenza della prova o lo stato detentivo dell'accusato, e le peculiari esigenze di celeritÓ e di risparmio di risorse processuali che ispirano l'istituto).

(massima n. 2)

La decisione con la quale il giudice per le indagini preliminari dispone il giudizio immediato non pu˛ essere oggetto di ulteriore sindacato. (In motivazione, la Corte ha osservato che il provvedimento adottato dal Gip chiude una fase di carattere endoprocessuale priva di conseguenze rilevanti sui diritti di difesa dell'imputato, salva l'ipotesi in cui il giudice del dibattimento rilevi che la richiesta del rito non Ŕ stata preceduta da un valido interrogatorio o dall'invito a presentarsi, integrandosi in tal caso la violazione di una norma procedimentale concernente l'intervento dell'imputato, sanzionata di nullitÓ a norma degli artt. 178, comma primo, lett. c) e 180 c.p.p.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.