Cassazione penale Sez. II sentenza n. 2476 del 20 gennaio 2015

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di accertamenti tecnici su materiale biologico, l'attivitÓ di comparazione tra profili genetici estratti dai reperti e riversati in supporti documentali Ŕ una operazione di confronto sempre ripetibile, a condizione che sia assicurata la corretta conservazione degli stessi supporti sui quali sono impresse le impronte genetiche.

(massima n. 2)

In tema di accertamenti tecnici su materiale biologico, ove nell'attivitÓ di estrazione dei campioni sia necessario l'intervento coattivo sulla persona, al prelievo pu˛ provvedere direttamente il pubblico ministero attraverso la nomina di un consulente tecnico, previa autorizzazione del giudice ai sensi dell'art. 359 bis c.p.p. oppure il perito nominato dal giudice, nel caso in cui all'analisi estrattiva e comparativa del profilo genetico si proceda nelle forme dell'incidente probatorio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.