Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 31022 del 17 luglio 2015

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di sequestro preventivo, l'autoritÓ giudiziaria, ove ricorrano i presupposti del "fumus commissi delicti" e del "periculum in mora", pu˛ disporre, nel rispetto del principio di proporzionalitÓ, il sequestro preventivo di un intero sito web o di una singola pagina telematica, imponendo al fornitore dei servizi internet, anche in via d'urgenza, di oscurare una risorsa elettronica o di impedirne l'accesso agli utenti ai sensi degli artt. 14, 15 e 16 del d.l.vo 9 aprile 2003, n. 70, in quanto la equiparazione dei dati informatici alle cose in senso giuridico consente di inibire la disponibilitÓ delle informazioni in rete e di impedire la protrazione delle conseguenze dannose del reato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.