Cassazione penale Sez. V sentenza n. 45513 del 4 novembre 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

L'incertezza circa le generalitÓ dell'imputato, della cui identitÓ fisica si abbia per˛ certezza, non legittima nÚ la pronuncia di assoluzione "per non aver commesso il fatto", nÚ la dichiarazione di non doversi procedere "per essere rimasti ignoti gli autori del reato", trattandosi di formule che presuppongono un'assoluta incertezza sulla identitÓ fisica dell'imputato e non una semplice incertezza circa le sue generalitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.