Cassazione civile Sez. II sentenza n. 9465 del 19 maggio 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

L'omessa riproposizione, nella udienza di precisazione delle conclusioni, di una domanda formulata nel corso del giudizio implica una presunzione di abbandono della istanza non riproposta che, fondandosi sulla interpretazione della volontÓ delle parti, pu˛ essere vinta solo da specifici elementi sintomatici di una contraria volontÓ. Ne consegue che il giudice di merito che espressamente consideri abbandonata una domanda non riproposta in sede di precisazione delle conclusioni pu˛ solo limitarsi, nella motivazione, ad evidenziare che la domanda non Ŕ stata riprodotta quando non vi siano elementi dai quali possa desumersi una contraria volontÓ della parte. L'accertamento compiuto al riguardo dal giudice di merito Ŕ incensurabile in sede di legittimitÓ se sorretto da congrua e logica motivazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.