Cassazione penale Sez. V sentenza n. 7198 del 19 giugno 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di induzione, agevolazione e sfruttamento della prostituzione, per effetto della novella di cui alla legge 3 agosto 1998, n. 269 — che ha inserito nel codice penale l'art. 600 bis — si è verificato un fenomeno di successione di leggi penali nel tempo per le ipotesi in cui il soggetto passivo sia persona al di sotto di una certa età; se antecedentemente alla modifica predetta, infatti, la condotta criminosa era aggravata ove posta in essere ai danni di soggetto minore degli anni ventuno, attualmente essa, qualora riguardi una persona minore degli anni diciotto, realizza un'ipotesi autonoma di reato, mentre rimane disciplinata dall'art. 3 della legge 20 febbraio 1958, n. 75 l'azione rivolta avverso chi abbia età compresa fra i diciotto ed i ventuno anni. Ne deriva, ai fini dell'applicazione dell'art. 2 c.p., che, qualora il soggetto passivo sia di età minore degli anni diciotto, la condotta precedentemente punita rientra nella nuova previsione criminosa e che, quanto al trattamento sanzionatorio, continua ad applicarsi ai fatti commessi prima dell'entrata in vigore della riforma quella di cui agli artt. 3 e 4 della legge n. 75 del 1958 il quale, alla luce del minimo edittale, si palesa più favorevole rispetto all'attuale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.