Cassazione penale Sez. V sentenza n. 2886 del 16 marzo 1992

(2 massime)

(massima n. 1)

La causa di non punibilitÓ della provocazione, prevista dall'art. 599, secondo comma, c.p. in tema di diffamazione, non rientra nelle ipotesi tassativamente indicate dall'art. 152, secondo comma, c.p.p. Pertanto, in presenza di una causa estintiva del reato Ś nella specie amnistia Ś si impone la declaratoria di estinzione del reato per detta causa. (Fattispecie in tema di diffamazione a mezzo stampa).

(massima n. 2)

Se Ŕ vero che nella lotta politica si Ŕ adusi ad un linguaggio la cui scorrettezza incorrerebbe nel delitto di ingiuria o diffamazione se una riconosciuta desensibilizzazione della sua potenzialitÓ offensiva entrata nel costume non lo accreditasse come legittimo, tuttavia non pu˛ in nessun caso essere tollerato che le espressioni degenerino in frasi pesantemente e platealmente sconvenienti e volgari, trasmodando in incivile denigrazione non giustificabile neppure nella vis polemica invalsa nelle tenzoni politiche. (Fattispecie in tema di diffamazione a mezzo stampa).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.