Cassazione penale Sez. V sentenza n. 14056 del 3 aprile 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ integrata l'esimente del diritto di critica qualora, con lettera, si revochi l'incarico al professionista (nella specie avvocato), attribuendogli l'incapacitÓ del proprio studio di seguire con la dovuta diligenza e la necessaria professionalitÓ le pratiche affidategli, considerato che tali espressioni rientrano nel diritto dell'assistito di spiegare le ragioni del venir meno del rapporto fiduciario, e che tale critica, ancorchÚ aspra, non comporta uno sconfinamento dai limiti della continenza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.