Cassazione penale Sez. V sentenza n. 30512 del 18 aprile 2014

(2 massime)

(massima n. 1)

Il reato di falsitÓ ideologica commessa dal pubblico ufficiale in certificati (art. 480 c.p.) pu˛ concorrere con quello di peculato, in quanto gli stessi tutelano beni giuridici diversi ed hanno riferimento a condotte diverse, posto che la prima fattispecie punisce un'azione falsificatrice autonoma e non indispensabile per la configurazione della condotta appropriativa tipica del peculato.

(massima n. 2)

La condotta del notaio che attesta falsamente in documenti informatici relativi all'autoliquidazione delle imposte fatti dei quali gli atti erano destinati a provare le veritÓ, integra il reato previsto dagli artt. 480- 491 bis cod. pen., e non un illecito amministrativo, non operando in relazione ad essa il principio di specialitÓ -previsto dall'art. 9 della legge n. 689 del 1981-, nÚ con riferimento all'art. 3 ter del D.Lgs. n. 463 del 1997, nÚ con riferimento all'art. 13 del D.Lgs. n. 471 del 1997, in quanto il primo non prevede un illecito amministrativo, ma una procedura di emenda dell'errore formale ricavabile dallo stesso atto di autoliquidazione, mentre il secondo contempla una sanzione amministrativa riferita esclusivamente ai ritardati od omessi versamenti di imposta risultante dalla dichiarazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.