Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 3131 del 16 settembre 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

L'approvazione all'unanimità di un atto amministrativo collegiale affetto da falsità ideologica non presuppone necessariamente la consapevolezza di detta falsità da parte di tutti i componenti dell'organo collegiale, né tale coscienza può desumersi da ipotesi o illazioni. (Nella specie l'indizio di colpevolezza dell'indagato era stato tratto dalla circostanza che questi, in quanto navigato uomo politico ed esponente particolarmente qualificato del proprio partito, non poteva prestare cieca fiducia negli attestati di legittimità apposti dai dirigenti amministrativi del comune).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.