Cassazione penale Sez. V sentenza n. 891 del 5 febbraio 1997

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di diffamazione a mezzo stampa, l'esimente putativa dell'esercizio del diritto di cronaca presuppone che le notizie pubblicate siano vere (oltre che di interesse pubblico ed esposte con correttezza) o che, se non vere, almeno siano state sottoposte a verifiche tali da avere indotto in errore non colpevole l'autore dell'articolo.

(massima n. 2)

Nel delitto di diffamazione col mezzo della stampa, il danno cagionato alla persona offesa, non essendo patrimoniale e non avendo funzione reintegrativa, non pu˛ essere quantificato se non con valutazione equitativa, rispettando l'esigenza di una ragionevole correlazione tra gravitÓ del danno ed ammontare dell'indennizzo; in tale delitto, la gravitÓ non pu˛ che essere rapportata all'entitÓ del discredito causato dalla notizia giornalistica.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.