Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 30968 del 16 settembre 2002

(1 massima)

(massima n. 1)

La falsa denuncia di smarrimento di un assegno del quale si sia invece fatto uso dandolo a taluno in pagamento costituisce calunnia indiretta in danno del prenditore del titolo nei confronti del quale, per effetto di detta denuncia, vengono ad essere automaticamente configurabili i reati di ricettazione o di furto e non invece quello, perseguibile soltanto a querela (la cui mancanza potrebbe escludere la calunnia), di appropriazione indebita di cosa smarrita, atteso che tale ultimo illecito presuppone che la cosa oggetto di appropriazione sia definitivamente ed irreversibilmente uscita dalla sfera di disponibilità del legittimo possessore; il che non può dirsi nel caso dell'assegno, le cui caratteristiche sono tali da rendere in ogni caso agevole l'identificazione del titolare del conto da cui il titolo è tratto. (Mass. redaz.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.