Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 4639 del 21 aprile 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

Poiché la Costituzione (art. 35) considera la formazione professionale dei lavoratori fra i compiti essenziali della Repubblica — si tratta di un'attività che lo Stato persegue direttamente o a mezzo di istituti, pubblici o privati — ne consegue che ai dirigenti e agli operatori dei corsi professionali (nella specie, l'Ente Nazionale di Formazione Professionale: Enfap) va riconosciuta, quanto meno, la qualità di persone incaricate di un pubblico servizio. (La Corte ha precisato che l'intero assetto organizzatorio e l'attività di formazione dell'Enfap sono regolati da norme di legge di indiscutibile natura pubblicistica, mentre sul piano operativo intervengono specifici atti amministrativi, coi quali viene riconosciuta la capacità tecnico-organizzativa dell'ente, assegnati i fondi per gestione e stabiliti i programmi di formazione. L'attività dell'Enfap, dunque, pur essendo riconducibile ad un'associazione non riconosciuta, risulta — globalmente considerata — sottoposta a norme di diritto pubblico).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.