Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 1425 del 11 giugno 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di corruzione in atti giudiziari, tenuto conto dello scopo della norma incriminatrice, consistente nel garantire che l'attivitą giudiziaria sia svolta imparzialmente, deve ritenersi che la qualitą di «parte» in un processo penale, presa in considerazione dall'art. 319 ter, comma primo, c.p., sia da riconoscere non solo all'imputato ma anche all'indagato e a chi dovrebbe rivestire tale qualitą.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterą seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.