Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 13919 del 14 aprile 2005

(2 massime)

(massima n. 1)

╚ configurabile il reato di corruzione in atti giudiziari nella condotta del giudice delegato ai fallimenti a carico del quale siano state accertate reiterate violazioni dei doveri nell'esecuzione della funzione giudiziaria, anche se non siano individuati singoli fatti corruttivi ma una disponibilitÓ continuativa ad elargire benefici a singoli o a gruppi dietro contropartita economica con danno patrimoniale per i creditori dei fallimenti trattati.

(massima n. 2)

Il delitto di corruzione in atti giudiziari si configura anche nella ripetuta dazione di utilitÓ economiche al giudice delegato ai fallimenti ancorchŔ talvolta successiva al compimento di atti giudiziari contrari ai doveri del suo ufficio Ś da parte di singoli professionisti privati in vista di corrispettivi vantaggi patrimoniali costituiti dal conferimento di sempre nuovi incarichi di curatori nelle procedure fallimentari.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.