Cassazione penale Sez. I sentenza n. 1705 del 13 maggio 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'espressione źdelitto ovvero contravvenzione della stessa indole╗ contenuta nel primo comma dell'art. 168 c.p. la cui commissione da parte di condannato a pena in precedenza condizionalmente sospesa provoca la revoca del beneficio, la congiunzione chiarisce che la revoca ha luogo di diritto soltanto quando la contravvenzione sia źdella stessa indole╗ di quella in relazione alla quale venne applicato il beneficio della condanna condizionale laddove tale condizione non Ŕ richiesta nel caso di delitti, che opera come causa di revoca sempre, di qualunque natura esso delitto sia.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.