Cassazione civile Sez. II sentenza n. 2639 del 5 luglio 1975

(1 massima)

(massima n. 1)

L'azione di regolamento dei confini presuppone l'incertezza, oggettiva o soggettiva, sui confini tra i fondi — non sulla sussistenza stessa del diritto di proprietà del fondo del reclamante — ed ha per oggetto la determinazione quantitativa delle rispettive proprietà dei contendenti in base ai rispettivi titoli di acquisto. Essa, pertanto, non resta snaturata se l'attore sostenga che il confine di fatto non sia quello esatto, per essere avvenuta usurpazione a suo danno, e chieda l'accertamento dell'esatto tracciato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.