Cassazione penale Sez. II sentenza n. 6597 del 12 febbraio 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

Il delitto di sostituzione di persona non č assorbito in altra figura criminosa, in presenza di un unico fatto, contemporaneamente riconducibile sia alla previsione di cui all'art. 494 cod. pen. sia a quella di altra norma a tutela della fede pubblica. (In applicazione di tale principio, la Corte ha escluso il concorso apparente di norme tra i reati di sostituzione di persona e falsitą in certificati nella condotta dell'imputato, che aveva falsificato la carta d'identitą del soggetto, cui successivamente si era sostituito per commettere ulteriori reati).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.