Cassazione penale Sez. I sentenza n. 47291 del 29 dicembre 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di sospensione condizionale della pena nei confronti di persona che ne abbia giÓ usufruito, la disposizione dell'art. 165, comma secondo, c.p.p., introdotta dall'art. 2, comma primo lett. a) L. 11 giugno 2004 n. 145, pu˛, nonostante la sua natura sostanziale, essere applicata retroattivamente, ai sensi dell'art. 2, comma terzo, c.p., anche in relazione a fatti commessi anteriormente all'entrata in vigore della nuova disciplina, siccome previsione pi¨ favorevole per l'imputato, il quale, a differenza che in passato, pu˛ scegliere che il beneficio sia subordinato ad una condizione da lui ritenuta meno gravosa di ciascuna di quelle che il giudice, ai sensi della legge previgente, avrebbe dovuto altrimenti obbligatoriamente applicare. (Fattispecie in tema di nuova concessione, ai sensi dell'art. 165, comma secondo, c.p.p., come modificato dall'art. 2, comma primo lett. a) L. n. 145 del 2004, della sospensione condizionale della pena, giÓ in precedenza applicata, subordinata alla prestazione di attivitÓ non retribuita in favore della collettivitÓ per un periodo di tempo determinato, per fatti commessi anteriormente all'entrata in vigore della L. n. 145 del 2004).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.