Cassazione civile Sez. II sentenza n. 11737 del 15 maggio 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di successione ereditaria, la dichiarazione del testatore di avere giā soddisfatto il legittimario con antecedenti donazioni non č idonea a sottrarre allo stesso la quota di riserva, garantita dalla legge anche contro la volontā del de cuius; né tale dichiarazione puō essere assimilata ad una confessione stragiudiziale opponibile al legittimario, essendo egli, nell'azione di riduzione, terzo rispetto al testatore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.