Cassazione penale Sez. V sentenza n. 10955 del 12 settembre 1978

(1 massima)

(massima n. 1)

Il fine di procurarsi un vantaggio, nel delitto di falsitÓ in titoli di credito, previsto e punito dagli artt. 485 e 491 c.p., pu˛ riguardare qualsiasi utilitÓ patrimoniale o non patrimoniale, legittima o illegittima, e qualsiasi aspetto delle relazioni sociali. Sussiste pertanto il fine di vantaggio, nel senso predetto, nel fatto di chi, falsificando la firma di girata su un assegno bancario col consenso dell'emittente, vuole evitare il fastidio di recarsi al domicilio di quest'ultimo, oppure rendere un favore allo stesso emittente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.