Cassazione penale Sez. V sentenza n. 10265 del 13 novembre 1981

(1 massima)

(massima n. 1)

La legge penale tutela il documento non per il suo contenuto ma per la sua attitudine probatoria. Pertanto, l'invaliditÓ del rapporto giuridico rappresentato nel documento non esclude il delitto di falso. Tale delitto pu˛ venir meno soltanto se si tratta di vizi formali che rendono l'atto giuridicamente irrilevante e non anche quando si tratta di vizi che lo rendono annullabile o nullo. Ne deriva che il documento, perchÚ sia insuscettibile di protezione penale, deve essere privo dei requisiti essenziali richiesti dalla legge per il raggiungimento del suo scopo. (Nella specie si trattava di un testamento olografo le cui disposizioni erano colpite da nullitÓ ex art. 692 codice civile abrogato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.