Cassazione penale Sez. V sentenza n. 5132 del 5 maggio 1978

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai sensi della legge penale, Ŕ intermediario per l'introduzione o la spendita nello Stato di monete alterate o contraffatte colui che inserendosi in una catena di trapassi consente di attingere alla sorgente della falsificazione. In mancanza di una prova diretta la funzione intermediatrice pu˛ essere desunta da prove indirette come la scoperta di notevoli quantitativi di moneta falsa e la possibilitÓ di rifornimento da parte dei possessori attraverso la medesima persona, che viene ad assumere il ruolo dell'intermediario.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.