Cassazione penale Sez. III sentenza n. 4503 del 15 maggio 1984

(1 massima)

(massima n. 1)

Le contravvenzioni alle norme antinfortunistiche si differenziano dal reato di cui all'art. 437 c.p. (rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro) per la diversa obiettivitā giuridica, l'incolumitā pubblica, e per la diversitā dell'elemento materiale di quest'ultimo reato, che consiste nella omessa collocazione di impianti o apparecchi destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro. La violazione delle norme in materia di prevenzione infortuni del lavoro, invece, si materializza nella omissione delle cautele imposte - tra l'altro - nella predisposizione degli apparecchi o impianti adibiti allo svolgimento dell'attivitā lavorativa, al fine della tutela dei lavoratori. (Nella specie la Suprema Corte ha affermato l'applicabilitā alle contravvenzioni dolose dell'istituto della continuazione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.