Cassazione penale Sez. I sentenza n. 4017 del 24 maggio 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

Il dolo del delitto di strage consiste nella volontÓ di compiere atti diretti a mettere in pericolo la pubblica incolumitÓ con la consapevolezza di tale pericolo, il quale Ŕ elemento essenziale del reato e non mera condizione di punibilitÓ. Il pericolo per la pubblica utilitÓ non pu˛ essere considerato, infatti, come condizione estrinseca al fatto, ma va visto come l'essenza stessa del fatto, come il tipico evento del reato. Si richiede, inoltre che gli atti siano posti in essere con il fine di uccidere, inteso come volontÓ diretta ad attentare alla vita di una o pi¨ persone.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.